siti non aams un pericolo reale

Un pericolo reale per tutti

siti non aams un pericolo reale

Non si contano più le volte nelle quali ci si è spinti a sottolineare, anche con una certa veemenza, quanto sia davvero indispensabile che nell’italico gioco si studino strategie ancora più mirate per contrastare il gioco illegale che dal periodo pandemico in poi ha “rialzato la testa” quasi a voler riconquistare un terreno che il gioco pubblico le ha sottratto laddove il Governo ha deciso di legalizzare appunto il mondo dei giochi.

Sempre in queste nostre riflessioni si è anche sottolineato l’impegno che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha profuso, sempre e particolarmente nella lunga emergenza sanitaria che ha costretto le istituzioni a chiudere le attività terrestri, appunto per contrastare quei punti di gioco illegali che “hanno preso il posto di quello legale” anche con una sorta di superbia criminale che le organizzazioni mafiose mettono in campo quando si tratta di sfruttare un settore a loro parecchio gradito per il riciclo del danaro “sporco” che riescono purtroppo con perizia a riciclare.

Il settore dei Giochi deve essere salvaguardato

E ciò è quello che è stato messo in campo per salvaguardare l’italico gioco pubblico: ma non si conoscono le cifre che sono state messe a disposizione di questa “battaglia” che il Governo centrale ha stabilito di puntare per il contrasto dell’illegalità che è riuscita a creare parecchi danni sia alle aziende legali che si occupano di gioco rappresentando sul territorio lo Stato ed i suoi prodotti offerti ai cittadini-giocatori. Ed invece cosa sta accadendo in Svezia sempre per la stessa “battaglia”?

Con cifre alla mano si rende pubblico il fare di quel Governo che sta mettendo in campo forze fisiche ed economiche appunto per contrastare la criminalità organizzata che anche in quella realtà territoriale ha cercato di irretire il settore del gioco sempre per riciclare danaro proveniente da azioni criminose.

Da tale dichiarazione emerge che anche in Svezia il mondo ludico è tra i “preferiti” delle organizzazioni criminali che non disdegnano di acquisire attività di questo comparto per poter gestire al meglio il proprio potere finanziario che non è affatto da sottovalutare.

Contrastare con forza il Gioco senza licenza

E proprio in relazione a questo, “ci piace” riferire quanto è stato espresso dal Ministro dei Mercati Finanziari svedese che ha sottolineato quanto sia importante rintracciare e contrastare con forza e caparbietà le società di gioco d’azzardo che si muovono sul territorio senza licenza poiché queste possono causare gravi danni e devono essere rimosse dal mercato del gioco svedese.

Le maggiori risorse messe a disposizione del Regolatore, Swedish gaming authority, sono indispensabili per utilizzare nuovi strumenti di supervisione messi in campo per escludere le società “irregolari” dal mercato e per contrastare così la criminalità organizzata e creare un mondo del gioco più sicuro mettendo in campo un’attività di vigilanza più attiva.

Il Regolatore con la disponibilità di queste ulteriori risorse deve essere in grado di gestire sia le nuove richieste di autorizzazioni per il settore, ma anche azioni e strategie “importanti” per supervisionare il territorio ed il settore stesso che è in ampio sviluppo.

Questo insieme di interventi, la lotta all’illegalità e la tutela della salute dei cittadini-giocatori per renderli eruditi della presenza di tanti casino online legali con bonus di benvenuto dato con il deposito in soldi veri, ha richiesto la messa in campo di queste nuove risorse destinate al contrasto dell’illegalità ed alla battaglia alla criminalità organizzata.

Sempre più risorse per contrastare l’illegalità

Così in poche righe si sono volute spiegare le premesse con le quali il Governo ha proposto un aumento delle risorse da parte dell’Autorità svedese per il gioco in relazione all’anno 2023 da inserirsi nel prossimo bilancio di primavera attraverso una proposta al Parlamento Nazionale supportata da un accordo con i Democratici svedesi: si parla di una cifra di 2,4 milioni di corone svedesi di fondi aggiuntivi, pari circa ad oltre due milioni di euro.

Evidentemente, questo movimento finanziario del Governo è stato ritenuto necessario per combattere l’attività criminale ed anche per proteggere le persone sensibili ed influenzabili: è una battaglia ovviamente che include il gioco d’azzardo senza licenza ma sopratutto tende a rafforzare la tutela dei giocatori finali. Ciò perché queste società illegali e senza autorizzazione non solo evadono le entrate fiscali ma contribuiscono altresì all’aumento delle partite truccate.

Come in altre realtà, in Svezia il gioco si “muove molto celermente” e quello illecito comporta rischi significativi nel campo del riciclaggio e come detto sta movimentando eccessivamente le partite truccate ed in parecchi casi le attività coinvolte fanno parte della più imponente compagine della criminalità organizzata e ramificata a livello internazionale.

Misure restrittive per risolvere il problema del Gioco illegale

A questo proposito, in un disegno di legge il Governo ha presentato all’Ente che supervisiona il gioco d’azzardo l’opportunità di bloccare in modo più veloce ed efficace i pagamenti tra gli operatori senza licenza, così come anche di mettere in moto la possibilità di una supervisione “segreta”.

Strategia mirata poiché senz’altro questo tipo di attività illegali fanno “davvero male” a tutte le società di gioco legali che rispettano le normative oggi in essere e che tutelano con il proprio lavoro, come accade anche in Italia, la legalità su tutto il territorio svedese. Ora, dopo questo “racconto svedese” si può dire che la problematica del gioco d’azzardo illegale non ha colpito e colpisce soltanto il nostro Paese.

La criminalità trova sempre il modo di farsi avanti

La criminalità organizzata, appunto perché internazionale è presente ovunque e fortunatamente la si sta combattendo con dovizia ed impegno finanziario poiché senza dubbio chi cade nella rete dell’illegalità, e quindi frequenta punti di gioco illegali magari addirittura senza accorgersi visto che la criminalità è alquanto abile “a nascondersi”, è decisamente a rischio.

Primo perché in quei punti, se l’attività si svolge in Svezia come in Italia, vengono installate apparecchiature da intrattenimento normalmente “tarate per non far vincere mai”… e quando stranamente accade il contrario ci sono seri problemi nell’incassare la tanto sospirata vincita.

A prescindere, poi, dal clima e dall’ambiente nel quale si svolge il gioco illegale che non è di certo di “assoluta sicurezza” e dove vivono anche altri “comparti illegali” come l’usura e l’imposizione. Bene, quindi, che anche in Svezia ci si muova a contrastare tutto questo con una linea dura e si spera che anche questo non si debba imputare al gioco legale, lecito, come purtroppo spesso accade.

Altri articoli interessanti:

Pubblicazione:
22 Maggio 2023
ore
08:30

Author: Bruce Peterson